Ciak si gira! A Cittadellarte va in scena la sostenibilità
Michelle Yeoh sarà la protagonista di un cortometraggio dedicato alla moda sostenibile, che la prossima settimana verrà registrato a Cittadellarte da una troupe dell'UN Live United Nations Web TV. Il film, in collaborazione con UNECE/FAO e la Fondazione Pistoletto, si avvarrà della creatività del fashion designer Tiziano Guardini, che ha ideato e realizzerà un abito esclusivo per l'attrice.

La moda sostenibile ancora protagonista a Cittadellarte che la prossima settimana, dal 9 all’11 aprile, gli spazi della Fondazione Pistoletto saranno sfondo “attivo” delle riprese di un film che metterà in luce e illustrerà lo sviluppo e il processo produttivo di un “abito sostenibile” realizzato con materiali provenienti dalle foreste. Dietro le quinte di questo progetto cinematografico vi sono UN Live United Nations Web TV e UNECE/FAO (precisamente la Forestry and Timber Section della commissione economica europea delle Nazioni Unite). Gli Studios di Cittadellarte Fashion B.E.S.T. saranno il “quartier generale” principale delle riprese, un contesto più che mai rappresentativo per girare un cortometraggio dedicato alla moda sostenibile.

B.E.S.T., infatti, è un’officina operativa che dal 2009 si dedica allo sviluppo della sostenibilità bio-etica nell’ambito del settore tessile, con un apposito laboratorio incentrato su tre elementi costitutivi: il patrimonio di eccellenza produttiva sedimentato sul territorio biellese e riconosciuto nel mondo; la creatività artistica, componente essenziale di Cittadellarte; l’impegno per un cambiamento della società in senso responsabile e sostenibile. Fashion B.E.S.T., oltre a riunire in una piattaforma decine di aziende produttrici di tessuti e accessori ecosostenibili, realizza e promuove anche incontri ed eventi pubblici di sensibilizzazione al consumo sostenibile, partecipa a gruppi di lavoro internazionali e organizza seminari e approfondimenti formativi (ricordiamo, in particolare, l’evento andato in scena a Cittadellarte lo scorso ottobre, titolato “Le stanze della moda sostenibile”).


(Michelle Yeoh. Credit: Wikipedia)

Tornando al cortometraggio, scopriamo tutti i personaggi sotto i riflettori. Il film si avvarrà del lavoro del fashion designer Tiziano Guardini, produttore di vestiti e abiti da materiali e tessuti naturali e eco-sostenibili, che creerà un abito speciale per la protagonista Michelle Yeoh. Si tratta dell’attrice malese, di origine cinese, nota soprattutto per le sue interpretazioni in film d’azione. Nella sua filmografia annovera parti in film conosciuti in tutto il mondo, quali, ad esempio, Guardiani della Galassia 2, The Lady – L’amore per la libertà, La mummia – La tomba dell’Imperatore Dragone, Memorie di una geisha, La tigre e il dragone, 007 – Il domani non muore mai. Ha recitato, inoltre, in serie TV come Marco Polo e Star Trek: Discovery.


(Un’immagine dell’intervento di Tiziano Guardini durante la mostra evento “Le stanze della moda sostenibile”)

Il cortometraggio racconterà la “storia delle foreste” attraverso la catena di approvvigionamento, il processo di progettazione creativo e si concluderà mostrando la realizzazione dell’abito. La pellicola, infatti, oltre a collegarsi (nei suoi contenuti) ai 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, intende dimostrare l’importanza che le foreste ricoprono nel mondo della moda sostenibile, sensibilizzando gli spettatori a una visione consapevole e armoniosa del rapporto tra ambiente, etica e moda.
Il film sarà lanciato e proiettato per la prima volta al Forum Politico di Alto Livello sullo Sviluppo Sostenibile, che si svolgerà dal 10 al 19 luglio presso il Quartier Generale delle Nazioni Unite di New York. Per l’occasione, la stessa Yaoh indosserà l’abito realizzato da Guardini. Il video sarà inoltre pubblicato e diffuso sui canali di comunicazione dell’UNECE, della FAO e di Cittadellarte.