Il Terzo Paradiso nello spazio, il 28 luglio si parte!
Mancano poco più di dieci giorni al lancio della missione VITA che avrà il segno-simbolo di Michelangelo Pistoletto come logo ufficiale. In programma, oltre al rilascio dell'app Spac3, una diretta YouTube che metterà in luce, passo dopo passo, la partenza e l'arrivo nella stazione spaziale dell'astronauta italiano Paolo Nespoli.

Il Terzo Paradiso sta per tuffarsi fra le stelle per la Missione VITA, acronimo di Vitality, Innovation, Tecnology e Ability. Si tratta della missione Expedition 52/53, che ha come destinazione la ISSStazione Spaziale Internazionale. E’ la terza di lunga durata delle sei che la NASA ha messo a disposizione dell’Agenzia Spaziale Italiana nell’ambito dell’accordo per la consegna dei moduli logistici, Leonardo, Donatello e Raffaello. L’astronauta dell’European Space Agency (ESA) Paolo Nespoli partirà verso la ISS il 28 luglio.

Il logo della missione sarà una cometa? Un stella? Un razzo? No! Il nome e il logo sono basati sul Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto! Per la prima volta sarà un simbolo artistico a connotare e a fare da sfondo alla missione spaziale. Il cerchio blu presente nel logo evoca il nostro pianeta, con il simbolo dell’artista biellese a unire i principali messaggi della missione. Sono tre gli elementi messi in luce: un filamento di DNA a richiamo di vita e di scienza, un libro che rappresenta la cultura e l’istruzione, la Terra come simbolo dell’umanità.


Il Terzo Paradiso è una riformulazione del simbolo dell’infinito. I due ovali opposti contengono elementi legati alle attività scientifiche e culturali che Paolo Nespoli eseguirà nello spazio. Il loro incontrarsi al centro rappresenta l’evoluzione del nostro pianeta ed i benefici per l’umanità. La parte centrale del simbolo, unitamente alla presenza del globo, può essere interpretata anche come un occhio (la prospettiva di veduta di un astronauta sul nostro pianeta). Il logo è inoltre caratterizzato dalla presenza dei colori della bandiera italiana per dare valore alla nazionalità dell’astronauta dell’ESA Paolo Nespoli e all’Agenzia Spaziale Italiana.

Un simbolo che unisce e condivide, motivi che sono alla base della decisione di sceglierlo come logo del progetto. Un segnale importante per il nostro paese, che è riuscito a portare fra le stelle un simbolo frutto del binomio italiano artista-mente Michelangelo Pistoletto e astronauta-braccio Paolo Nespoli.

Tornando alla missione, il momento del lancio si avvicina: sarà venerdì 28 luglio il giorno in cui l’astronauta italiano partirà alla volta dello Spazio. Il programma prevede che alle 17.41 un razzo Soyuz accenderà i motori sul pad di lancio “Gagarin’s Start” a Baikonur, nel Kazakhstan, per portare l’Expedition 52/53 a bordo della ISS. Paolo Nespoli rimarrà in orbita per cinque mesi, al fine di studiare gli effetti che avrà per l’organismo umano la permanenza nell’ambiente di microgravità dal punto di vista fisiologico e biologico. Verranno così analizzate le reazioni di muscoli, cellule, retina e fluidi corporei.

Nell’ambito della missione, sarà lanciata l’applicazione SPAC3, sviluppata da ESA con RAM Radioartemobile in collaborazione con ASI e Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, per sensibilizzare la consapevolezza sulla conservazione della Terra e coinvolgendo il pubblico nella creazione di un’opera d’arte sociale. L’applicazione SPAC3 permette di dare voce e condividere un messaggio tra sei aree differenti: queste comprendono tutti i 17 Sustainable Development Goals, pensati per risolvere le questioni globali più importanti che riguardano le persone, il pianeta, la prosperità, la pace e il partenariato.

Con la nuova app sarà possibile seguire la missione e realizzare fotografie sovrapponendole alle immagini scattate dalla piattaforma con vista Terra da Nespoli, con la possibilità di creare particolari collage. Un modo per avvicinarsi allo spazio con un clic, ma soprattutto diffondere i concetti del Terzo Paradiso partecipando a un’opera d’arte collettiva e globale. Grande merito del particolare annullamento delle distanze tra lo Spazio e il nostro pianeta va allo stesso astronauta italiano, che metterà a disposizione il suo tempo libero dalla Stazione Spaziale per condividere le fotografie e donarle alla collettività. A dispetto delle specificità consumistiche, sarà la gratuità uno dei valori portanti del progetto. Le immagini e l’app saranno, infatti, scaricabili e utilizzabili liberamente; un modo per facilitare l’ascesa al trono della creatività.

In attesa di poter utilizzare l’app, il 28 luglio si potrà seguire, collegandosi al canale YouTube AstronautiCAST, tutta la durata del lancio in diretta: alle 16.30 inizierà il collegamento, alle 17.41 la partenza, alle 17.50 il raggiungimento ai cento chilometri (microgravità), a mezzanotte attracco (docking) e alle 2 di notte apertura portelli ed entrata nella stazione spaziale.
I social, in questo caso, riusciranno realmente nell’intento di avvicinare, permettendo di abbattere confini e lontananze non solo tra due paesi, ma tra l’intero pianeta Terra e lo Spazio.
E a tutti quanti: Godspeed!

Credit immagine di copertina: RAM.